Seleziona una pagina
5 Luglio 2024

La Chiesa di San Biagino, gioiellino nascosto da poco tornato a splendere

San Biagino Pistoia

Piccola e un po’ nascosta, ma molto bella: è la la Chiesa di San Biagino, nella piazzetta omonima tra via De’ Rossi e via Curtatone e Montanara, nel centro storico di Pistoia. Quest’edificio religioso è in stile romanico e risale al 1100 d.C. circa. Nato con la dedicazione a Santa Maria Assunta, nel 1500 si aggiunse quella al Vescovo e Martire San Biagio e poi la sua denominazione popolare divenne San Biagino. Un tempo vi si celebravano, con un notevole afflusso di gente, la festa di S.Lucia il 13 dicembre e quella di San Biagio il 3 febbraio.

Ad una sola navata e pianta rettangolare, in conci di alberese e pietra serena, con copertura a capanna con capriate in vista, ha due entrate: quella principale sulla facciata e quella secondaria, risalente al XIII sec., sul lato destro. Quest’ultima è un particolare architettonico di spicco, posta tra due colonnine con capitelli corinzi e un architrave con due leoni scolpiti, sormontato da una doppia lunetta a conci bianchi e verdi alternati e ghiera intagliata.

In pessimo stato alla fine del XVI sec., fu sottoposta a lavori di trasformazione nel XVII: all’interno si posero due sepolcreti di pietra, due altari laterali e delle decorazioni pittoriche. Il numero dei parrocchiani era però piuttosto basso e il Vescovo Scipione de’ Ricci decise la sua soppressione, come quella di molte altre piccole parrocchie pistoiesi, avvenuta di fatto all’inizio dell’800. Da allora la Chiesa di San Biagino divenne un magazzino e un deposito, sino a che circa 50 anni fa fu proposto un progetto di restauro, mai andato in porto. Nel 2015 però, dopo un lungo abbandono, è stata restaurata e recuperata a cura della Massenzio Arte Artigiana e dell’Associazione Culturale Athena: così, dalla fine di ottobre dello scorso anno, ospita mostre d’arte di vario tipo ed eventi culturali, che permettono finalmente la valorizzazione di questa deliziosa chiesetta troppo a lungo dimenticata.

Fonte fotografia: Naturart

Barbara Bernardi

Barbara Bernardi

Laureata con una tesi in Storia del Giornalismo alla facoltà di Scienze Politiche "C. Alfieri" di Firenze, ha fatto esperienze lavorative variegate, ma ama scrivere da sempre, sia di storia e tradizioni della sua città, che di attualità, moda e molto altro.